Non categorizzato

Disabilità, protocollo d’intesa tra tredici comuni della Marca

Sabato 19 marzo la firma in municipio a Oderzo: iniziativa promossa dalla Società Italiana Disability Manager e l’Ipa Opitergino Mottense. Presente il presidente di SIDiMa, Rodolfo Dalla Mora.

La firma del protocollo

È stato siglato sabato 19 marzo il protocollo d’intesa tra la Società Italiana Disability Manager e l’Ipa Opitergino Mottense: un tavolo di confronto tra ben tredici comuni, coordinato dall’amministrazione comunale di Oderzo.

Il progetto si ispira al modello del disability manager avviato dal Comune di Treviso. Il protocollo siglato nelle scorse ore è però il primo esempio in Italia di un modello-tipo territorialmente condiviso tra più comuni, fondato sulla coesione di realtà amministrative diverse all’interno di un territorio omogeneo. L’obiettivo è quello di dare vita ad un vero e proprio modello italiano, su cui basare le diverse composite progettualità. SIDiMa, che ha stipulato un protocollo d’intesa con l’Anci-Associazione Nazionale Comuni Italiani, vuole sviluppare una serie di modelli-tipo sul territorio nazionale per dare vita alla diffusione delle tematiche relative all’inclusione. Il protocollo prevede di avviare iniziative, progetti e programmi di collaborazione sui temi e sugli ambiti di interesse reciproco, con il supporto delle competenze e le risorse disponibili.

I commenti

Presidente SIDiMa Rodolfo Dalla Mora: «La nostra associazione affiancherà le istituzioni nella creazione di una figura formata di alto livello secondo quelli che sono i principi e le modalità del Manifesto del Disability Manager. Il ruolo del disability manager, infatti, sarà quello di costruire le reti nel territorio, fare da facilitatore e consulente su temi come accessbilità, turismo, istruzione, cohousing, terzo settore, aziende, produttività e lavoro».

Il sindaco di Oderzo, Maria Scardellato, conclude: «Il lavoro di squadra nei temi dell’inclusione sociale, al quale sta lavorando la conferenza dei sindaci dell’azienda Ulss 2 Trevigiana comprende anche temi come il “cohousing” e la messa in rete dei servizi e coinvolgerà gli istituti scolastici con una progettualità mirata alla sensibilizzazione di giovani e al loro coinvolgimento nella rete territoriale che comporti un reale cambio di mentalità nel concepire realmente la disabilità come una normale componente della cittadinanza attiva».

Fonte: TrevisoToday.

Condividi su:

© 2022 Sidima Società Italiana Disability Manager - via Padre Leonardo Bello 3/c - 31045 Motta di Livenza (TV) - C.F. 94134590267 - info.sidima@gmail.com - Informativa sulla Privacy - Cookies